Fumo di tabacco di tossicodipendenza di alcolismo dei problemi

Video shock sulla COCAINA - Impressionante!

Quanti lorganismo dopo che lalcolismo è restaurato

Voce principale: Tabagismo. Numerosi studi scientifici hanno cercato, nel tempo, di individuare gli effetti del tabagismo sulla salutemuovendo inizialmente da osservazioni epidemiologiche che evidenziavano, fin dai primissimi lavori, alte incidenze, statisticamente significative, di problemi sanitari gravi tra i fumatori.

Gli effetti sulla fumo di tabacco di tossicodipendenza di alcolismo dei problemi del fumo si applicano in gran parte anche ai non tabagisti, in qualche modo soggetti direttamente o indirettamente al fumo di tabacco. Il fumo è considerato fattore favorente l'insorgere di alcune patologieprincipalmente a carico dell' apparato respiratorio [3] e dell' apparato cardio-vascolaree nei paesi sviluppati viene considerato causa prima nella mortalità evitabile.

Il fumo attivo e il fumo passivoin tutto, fumo di tabacco di tossicodipendenza di alcolismo dei problemi classificati come cancerogeni certi per l'uomo gruppo 1 dall' organizzazione mondiale della sanità tramite lo IARC [5]. Sono cancerogeni certi anche alcuni dei suoi componenti, primi tra tutti benzene e benzo[a]pirene.

Si descrive quindi il tabagismo come sicuramente collegato all'insorgenza di patologie neoplastiche di varia natura, in primis il cancro polmonare per incidenza e mortalità [6]. Gli studi sono maggiormente incentrati sugli effetti della respirazione del fumo, attivo e passivo, di sigaretta.

Il fumo inalato attivamente o passivamente da una sigaretta contiene oltre 4. Diversi composti sono bioattivi secondo differenti modalità, essendo cancerogeni certi, cancerogeni sospetti, irritanti o diversamente interagenti con i nutrienti assunti. Le sostanze nocive del fumo che possono danneggiare direttamente l' apparato respiratorioirritare e predisporre a danni ulteriori, ma anche indirettamente il resto dell'organismo, sono essenzialmente prodotti della combustione incompleta di tabacco e cartae sostanze volatilizzate per la relativamente fumo di tabacco di tossicodipendenza di alcolismo dei problemi temperatura che ne consegue:.

La nicotina ha effetti neurologici ed è la principale responsabile della dipendenza [11] in quanto aumenta il livello di dopamina nei circuiti cerebrali del piacere. Il fumo di tabacco inibisce le monoammina ossidasiresponsabili della degradazione, nel cervello, dei neurotrasmettitori monoamminergicitra cui la dopamina [13].

Questo genera una sensazione di piacere con meccanismi analoghi a quelli innescati da alcaloidi contenuti in alcune droghe. La dipendenza da nicotina è quindi legata anche alla necessità biochimica di mantenere elevati livelli di dopamina. I sintomi dell' astinenza comprendono una sensazione di vuoto e ansia. Il loro picco è raggiunto in genere tra le 48 e le 72 ore.

I principali sintomi di astinenza sono: rabbiaansia, depressionefumo di tabacco di tossicodipendenza di alcolismo dei problemi di concentrazioneimpazienza, insonnia e irrequietezza che si manifestano tra la prima settimana e le ultime settimane.

In genere il corpo umano impiega 3 settimane per eliminare completamente la nicotina presente dall'organismo. La nicotina è inoltre un potente tossico anche se, per le modalità e le dosi di assunzione, gli effetti tossici da avvelenamento nicotinico non sono tra i principali imputati nei danni del fumo. L'assorbimento per via respiratoria è ovviamente parziale. Ha effetti sulla pressione sanguigna e provoca vasocostrizione arteriosa periferica che, riducendo il flusso ematico distalelimita l'afflusso di sangue alla pelle contribuendo all'invecchiamento precoce della stessa.

Si ottiene con la combustionein ogni caso incompleta. Oltre a ridurre la capacità respiratoriadeossigena il sangue legandosi più stabilmente dell'ossigeno con l' emoglobina. È reputato anche responsabile dell'invecchiamento precoce, caduta dei capelli e ingiallimento della pelleconseguenze della minore ossigenazione. Acroleinaacetaldeideacido cianidricoformaldeideammoniaca e le altre sostanze irritanti contenute nelle sigarette provocano danni irritativi diretti alle mucose respiratorie come le mucose di rivestimento dei bronchiin particolare le cellule ciliate che si oppongono all'entrata di polveri, germi e sostanze tossiche nel polmone.

Sono possibili conseguenti enfisemi e bronchite cronica. Tosse e catarronel fumatore, sono il primo sintomo di questi effetti. Alcuni benzopirenifumo di tabacco di tossicodipendenza di alcolismo dei problemi con la combustione incompleta della sigaretta, sono composti classificati come cancerogeni certi. Aumentano dunque il rischio di contrarre il tumore al polmonein quanto, secondo articolate ricerche di cui è nota quella del questo è il principale responsabile di una proliferazione cellulare incontrollata.

Le polveri fini, dette genericamente particolatocostituenti principali del fumo, divengono cancerogene anche perché assorbono sulla loro superficie benzo[a]pirene e altri policiclici e li veicolano direttamente negli alveoli polmonari. Il corpo umano impiega complessivamente 15 anni per eliminare dall'organismo gli effetti del fumo, eliminando tutte le sostanze assunte fumando abitualmente.

Partendo dal momento in cui si smette di fumare l'ultima sigaretta: [23]. I danni e le patologie per cui la comunità scientifica ritiene il tabagismo concorrente sono molteplici. Una ricerca delcondotta dal Ph.

Stephen S. Hecht dell' Università del Minnesotaha portato alla conclusione che: [24]. Il fumo di sigaretta è considerato concausa di varie patologie. In particolare è considerato agente eziologico nello sviluppo del carcinoma del polmone. Il fumo di sigaretta contiene circa 60 cancerogeni certi, [29] inclusi i radioisotopi provenienti dal decadimento del radonil benzopirene e alcune nitrosamine.

Inoltre la nicotina presente è in grado di deprimere la risposta immunitariadiminuendo la capacità di sorveglianza e di killing delle cellule neoplastiche da parte dei linfociti T e dei linfociti NK.

Il fumo di sigaretta non rappresenta solo un fattore di rischio, ma anche un importante elemento in grado di influenzare la prognosidimostrato dal fatto che soggetti non fumatori ma con carcinoma del polmone hanno una maggiore percentuale di sopravvivenza a 5 anni rispetto ai fumatori.

Del fumo di sigaretta si deve considerare una componente mainstream e una sidestream ; la prima, ad alte temperatureè quella generata da fumo di tabacco di tossicodipendenza di alcolismo dei problemi di inspirazione attiva.

La seconda, a basse temperature, è il risultato della combustione spontanea tra le dita o nel posacenere. Naturalmente all'atto pratico, data la notevole diluizione nell' aria che il fumo passivo subisce prima di essere eventualmente inalato, l'aumento percentuale di rischio di contrarre patologie a cui è esposto chi lo assume resta notevolmente inferiore rispetto a quello del fumatore attivo.

La connessione tra esposizione passiva e aumento del rischio è stata ulteriormente dimostrata da studi condotti negli USA[35] [36] [37] [38] in Europa[39] in Gran Fumo di tabacco di tossicodipendenza di alcolismo dei problemi [40] [41] e in Australia [42] che hanno documentato un aumento del rischio relativo nei soggetti esposti al fumo di tabacco di tossicodipendenza di alcolismo dei problemi passivo soggetti che vivono o che lavorano con un fumatore attivo.

L'inalazione del fumo causa numerosi effetti sul cuore e sul sistema circolatorio. Il monossido di carbonio esercita effetti negativi sul sangue, riducendone la capacità di trasportare ossigeno. Il fumo aumenta la possibilità di malattie cardiache, ictusarteriosclerosi e malattie vascolari periferiche. I livelli di colesterolo tendono ad aumentare nei fumatori.

Inoltre, il rapporto tra le lipoproteine ad alta densità il colesterolo "buono" di lipoproteine a bassa densità il colesterolo "cattivo" tende ad essere più basso nei fumatori rispetto ai non-fumatori. Il fumo aumenta anche i livelli di fibrinogeno e la produzione delle piastrine entrambi coinvolti in coagulazione del sangue. Le cellule ematiche sono naturalmente riciclate dopo un certo periodo di tempo, permettendo la creazione di nuovi eritrociti.

Tutti questi fattori rendono i fumatori più a rischio di sviluppare varie forme di arteriosclerosi. Tuttavia, è giusto sottolineare che gli effetti del fumo sul cuore possono essere più sottili. Nel fu per la prima volta proposta la relazione tra alcune patologie della cute e il fumo. Recentemente uno studio delpresentato dall' American Society of Plastic Surgeonsha confermato l'accelerazione dell'invecchiamento della pelle nei fumatori. Numerose ricerche, inoltre, confermano che il fumo favorisce lo sviluppo della psoriasi e ne aggrava l'andamento.

I medici raccomandano che in gravidanza ci si fumo di tabacco di tossicodipendenza di alcolismo dei problemi dal fumo oltre che per i rischi fumo di tabacco di tossicodipendenza di alcolismo dei problemi alla salute della fumatrice per i gravi danni possibili al nascituro. Anche il fumo passivo ambientale implica rischi analoghi. Infatti, il monossido di carbonio attraversa la barriera placentare e, legandosi all' emoglobina fetale, impoverisce l'apporto di ossigeno ; mentre la nicotina per i suoi effetti vasocostrittori impedisce una buona circolazione utero - placentare e, passando attraverso la placenta, influisce sullo sviluppo del sistema nervoso centrale.

Le sostanze tossiche inalate nel fumare pregiudicano il controllo ormonale e influenzano la maturazione ovulare della donna e la produzione di sperma dell'uomo.

Il concepimento della fumatrice risulta più difficile perché l' endometrio alterato ostacola la risalita degli spermatozoida altra parte perché le caratteristiche del seme maschile vengono alterate [74] [75]e vi sono evidenze sull'induzione di infertilità nel nascituro.

La nicotina provoca una diminuzione dell'irrorazione sanguigna dell'utero e della placenta e quindi anche un minore apporto di sostanze vitali al nascituro. Il monossido di carbonio CO assunto con il fumo riduce inoltre l'apporto d' ossigeno nella circolazione nella madre e del bambino. Questa sostanza rimuove inoltre già in deboli concentrazioni l'ossigeno dal suo vettore di trasporto, ovvero i globuli rossi. Fumare durante la gravidanza è inoltre ritenuto elemento di rischio per l'insorgenza della malattia di Legg-Perthes sul nascituro.

Per gli uomini il fumo viene considerato fattore di rischio per disfunzioni erettili e impotenza sessuale. Tobacco smoking affects both male and female fecundity. Maternal cigarette smoking is associated with increased risks for ectopic pregnancy, premature rupture of membranes, abruptio placentae, placenta previa, miscarriage, stillbirth, preterm birth, low birth weight, small for gestational age, and congenital anomalies such as cleft lip.

Oligozoospermia may be due to factors other than smoking. Altri progetti. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Storia del tabacco. Impatti personali e sociali. Peggio delle droghein Corriere della Sera26 marzo URL consultato il fumo di tabacco di tossicodipendenza di alcolismo dei problemi aprile archiviato il 17 aprile URL consultato il 17 aprile archiviato dall' url originale il 17 aprile Il gruppo 1 comprende i composti fumo di tabacco di tossicodipendenza di alcolismo dei problemi cancerogeni per l'uomo Complete List of Agents evaluated and their classificationIARC URL consultato il 17 aprile archiviato dall' url originale il 13 dicembre URL consultato il 17 aprile archiviato dall' url originale il 23 febbraio URL consultato il 17 aprile archiviato dall' url originale il 18 aprile Katzung, Farmacologia generale e clinicaa cura di P.

Lazo, Keith L. Bruce Dickerson e Edward P. Horvath Jr. URL consultato il 18 aprile archiviato il 18 aprile URL consultato il 18 aprile archiviato dall' url originale il fumo di tabacco di tossicodipendenza di alcolismo dei problemi aprile URL consultato il 18 aprile archiviato dall' url originale il 19 aprile Biesalski, Bueno de Mesquita B.

URL consultato il 18 aprile archiviato dall' url originale il 27 giugno Peto, Lopez A. Samet, Wiggins C. Asomaning e altri, Second hand smoke, age of exposure and lung cancer riskin Lung cancervol. Hecht, Tobacco carcinogens, their biomarkers and tobacco-induced cancerin Nature Reviews. Cancervol. Immunologyvol. URL consultato il 18 aprile archiviato dall' url originale il 15 dicembre URL consultato il 3 luglio archiviato il 24 dicembre